Ridurre l’impatto ambientale dei trasporti

Oltre 3.000 operatori professionali accreditati, 150 tra sponsor, espositori e partner, 234 relatori e 28 convegni.
Sono questi i numeri del successo della prima edizione di Smart Mobility World, la prima iniziativa italiana in grado di offrire una visione completa e integrata sui temi Smart City e Green Mobility.
Torino, città simbolo dell’automobile, è diventa per due giorni il luogo emblema della mobilità del XXI secolo: sostenibile, digitale, integrata.

Smart Mobility World

Particolarmente apprezzati sono stati i test drive su auto green organizzati sulla storica pista del Lingotto.
Smart Mobility World ha ospitato inoltre il Brokerage event di ITN organizzato dalla Camera di commercio di Torino. Rilevanti i numeri registrati: 80 gli iscritti per 240 incontri. Tra questi si segnalano le presenze di Jaguar e Land Rover, in Piemonte alla ricerca di tecnologie di infomobilità. Un dato significativo che rimarca un know how riconosciuto nell’ambito dell’automotive e dell’innovazione.

Estremamente positivo anche il risultato della seconda edizione di Tosm Smart Mobility, Logistics, Automotive, l’evento di networking tra domanda e offerta tecnologica ICT, sempre promosso da Camera di commercio e Unione Industriale di Torino. È di 270 incontri B2B tra imprese piemontesi e buyer nazionali e internazionali il bilancio finale. I 15 buyer nazionali (tra cui General Motors Powertrain Europe,) hanno apprezzato le soluzioni tecnologiche per la mobilità offerte dall’eccellenza ICT piemontese. Presenti anche 8 buyer internazionali, provenienti da Argentina, Brasile, India, Messico, Norvegia, Polonia, Romania e Russia, che hanno riscontrato un forte interesse dalle imprese locali, incontrando più aziende del previsto.

Tra i numerosi appuntamenti che hanno animato la seconda giornata si segnala la sessione City Logistics: come sviluppare i processi, i servizi e le applicazioni per la City Logistics del futuro, durante la quale è stato firmato il protocollo d’intesa che definisce le modalità di consegna delle merci in ambito urbano con particolare attenzione alla tutela dell’ambiente ed alle consegne “pulite”. L’Assessore ai Trasporti e politiche per l’area metropolitana del Comune di Torino, Claudio Lubatti, ha così commentato: “Con grande soddisfazione oggi annunciamo che siamo i primi in Italia ad essere riusciti a concordare con tutti i soggetti che si occupano a vario titolo di logistica merci un testo che annuncia iniziative concrete sulla consegna organizzata e pulita nella città. La Città di Torino ha cambiato l’atteggiamento, da impositore di regole restrittive a facilitatore per chi si adegua alle basse emissioni ed impatto ambientale zero”.

Altro focus è stato dedicato all’approfondimento dell’E-Ticketing. In particolare è stata analizzata l’esperienza del sistema BIP della Regione Piemonte e le prospettive di sviluppo dell’interoperabilità a livello nazionale.
Infine, i carburanti alternativi sono stati l’argomento della sessione pomeridiana con vista sui sistemi di trazione innovativi a gas, biogas e dual fuel.

Noi di Cargopooling non possiamo essere concordi sulla necessità di questo tipo di iniziative, per smuovere non solo le coscienze ma per fare capire che il mondo dei trasporti e della logistica dovrebbe schierarsi vicino il bisogno di risparmio e alle continue richieste di riduzione dell’impatto ambientale dei trasporti su strada.