Trasporto barche e stagione estiva.

Con i suoi 8000 km di coste, le sue 194 marine e i suoi 160.000 stalli l’Italia è un luogo meravigliosamente predisposto e attrezzato per le imbarcazioni di tutti i tipi.

Trasporto Barche

L’estensione in lunghezza dello stivale e la possibilità di esplorare anfratti e paesaggi di eccezionale bellezza spinge ogni anno migliaia di persone a usare la propria barca durante le vacanze. Ma come può essere programmato organizzato il trasporto di barche dal nord verso le coste? Quali sono le modalità, i problemi e le soluzioni più praticabili e più economiche per il trasporto di barche e di altri natanti? Innanzitutto dobbiamo capire che tipo di barca vorremmo trasportare, quindi sarà possibile vedere come fare. Scendiamo nel dettaglio.
 

Trasporto Imbarcazioni: la gomma è l’opzione più usata.

Il trasporto di imbarcazioni private nel nostro Paese è quasi totalmente risolto su gomma: in linea di massima le barche più piccole, entro i 255 cm di lunghezza, e i gommoni, sono trainati con un sistema di carrelli posti dietro alla vettura del proprietario. Per trasportare piccole barche verso Roma si tratta della soluzione più usata. Per trasportare gommoni e piccole barche a Napoli, pure. I trasporti nautici verso le isole sono invece più difficoltosi: trasportare barche in Sicilia, ad esempio, significa imbarcarle insieme all’auto sul traghetto. Non sempre però il trasporto di imbarcazioni può essere risolto in maniera autonoma. In caso di barche a vela o di nautici di grandi dimensioni occorre rivolgersi a specialisti nel trasporto. Il trasporto di barche con vettori privati ha costi e prezzi molto più alti.

Trasporto barche a vela.

Le barche a vela sono imbarcazioni meravigliose: eleganti, silenziose, vengono utilizzate per muoversi sottocosta e ammirare il paesaggio marino da punti di vista e luoghi particolari. Nel nostro Paese esistono molte scuole di vela e di conseguenza molte barche a vela. Tuttavia, il trasporto di barche a vela da una località all’altra, proprio per la loro dimensione, la delicatezza e il pregio della struttura e la presenza di alberi, può costituire una complicazione ulteriore. Nella maggior parte dei casi, per chi ne possiede una, il trasporto di una barca a vela significa il ricorso a ditte specializzate.

E’ sufficiente un carrello da trasporto barca per trasferirla dove vuoi?

Nel caso in cui la nostra barca fosse più modesta, e a motore, potremmo optare per il fai-da-te.

Il carrello per trasporto barca è il mezzo più frequente con cui vengono effettuati i trasporti nautici di piccolo e medio calibro. Il codice della strada però è molto rigido in questo senso, e prevede che ci sia un rapporto corrispettivo tra la tara della nostra automobile e la massa trasportabile. Ciò significa che per trasportare imbarcazioni con la nostra auto non basterà avere una barca di dimensioni inferiori ai 255 cm e dotarsi di un carrello per trasporto barca, ma occorrerà capire se si è in regola e si rientra nelle specifiche delle normative. Se l’auto è troppo piccola, infatti, il fai-da-te con il carrello da trasporto barca diventa un affare impraticabile e anche in questo caso occorrerà rivolgersi agli specialisti.

Trasporti eccezionali barca.

Se la nostra barca a vela è troppo ingombrante o delicata, se la nostra barca a motore è troppo grande o la nostra auto troppo piccola rientriamo nella categoria dei trasporti eccezionali di una barca. 
Con trasporti eccezionali barca si intendono quei trasporti nautici che possono essere effettuati in modo autonomo, cioè nella possibilità di usare il carrello per il trasporto della barca. Alla categoria dei trasporti eccezionali di una barca appartengono i natanti di lunghezza superiore ai 255 cm. Se la lunghezza supera i 300 cm si parlerà di trasporti eccezionali con scorta.

Questo tipo di trasporto viene di solito affidato a ditte specializzate che ne garantisco qualità ed efficienza. Il costo del trasporto in genere va a chilometro, e comprende anche il chilometraggio di ritorno del mezzo scarico. Per evitare di pagare il doppio, è consigliato e utilizzato sempre più spesso l’uso di condividere e concordare in sharing il trasporto di due natanti diversi, in modo da non far mai viaggiare il vettore scarico.

Cargopooling utilizza questo tipo di sharing, con la possibilità di abbattere i costi di trasporto della barca di oltre il 50%.
Trasporti eccezionali di barca? La risposta è Cargopooling!