Scuola per gli spedizionieri

A La Spezia si trova una tra le poche realtà locali che garantisce una buona percentuale di lavoro alla fine del percorso formativo, e di questi tempi, è una gran cosa.
Si tratta della Scuola Nazionale dei Trasporti e della Logistica, che forma ogni anno gli spedizionieri e gli esperti di logistica del futuro e che quest'anno diploma 15 giovani allievi.

 

Una scuola per i prossimi spedizionieri

 

La Scuola nasce vent'anni fa dall'idea della Camera di Commercio di La Spezia, che decise di riunire realtà pubbliche e private per sviluppare un percorso di formazione legato al mondo dei trasporti e alla logistica. Da allora la Scuola Nazionale dei Trasporti e della Logistica ha fornito 37mila ore di formazione rivolta a giovani in cerca di lavoro, 31mila ore di formazione rivolta al personale delle aziende, per un totale di 10mila lavoratori e 800 giovani.
E di questi ultimi una gran parte trova lavoro: gli allievi dei corsi post diploma quasi totalmente nell'ambito locale, quelli dei master post laurea in egual misura sul territorio provinciale e in altre realtà.

 

Anche quest'anno la scuola presenta quindi i 15 diplomati, dopo 440 ore di lezione in aula e 480 ore di work experience nelle aziende più importanti del mondo della logistica, per avere, poi, già tra le mani, un contratto per proseguire il rapporto di lavoro con le imprese.
La scuola si propone non solamente lo sviluppo di conoscenza specializzate legate al mondo della logistica e al porto di La Spezia, ma anche l'accrescimento di quelle competenze trasversali necessarie ad affrontare le sfide future, come quelle legate all'intermodalità , regolato da normative e esigenze documentali in continuo mutamento e caratterizzato dall’utilizzo di strumenti tecnologici innovativi per il settore delle spedizioni e dei trasporti.
"Il trasporto è una fase fondamentale dell'economia e l'Italia da anni viene indicata come piattaforma logistica d'Europa, ma i passi compiuti in avanti sono ancora troppo pochi. La Scuola in questo senso si pone come soggetto che offre formazione, ma anche come traino all'economia locale e nazionale" sono le parole di Piergino Scardigli, presidente della scuola.

Cargopooling crede che questo tipo di iniziative siano sempre più importanti per garantire l'elevata specializzazione che richiede il mondo dei trasporti e permettere ai giovani talenti italiani di rimanere in Italia, in un territorio ed in un settore in continua evoluzione, che sarà sempre più legato al mondo tecnologico.

Conoscete altre realtà d'eccellenza legate al mondo dei trasporti? Fateci sapere cosa ne pensate!